Da Odile Orsi Una Moda Per Donne Vere: Impegnate e Pratiche, Eleganti e Uniche

Categorie: Abbigliamento, Arte, Interviste e Incontri Di Eleonora Della Guardia

tubini_muta_design

Dall’arte agli eventi, dagli eventi alla moda. Odile Orsi ci parla di come è diventata fashion designer e di come è nata l’idea di MutaDesign.

Ho avuto il piacere di conoscere Odile e di vedere di persona i suoi abiti in occasione di un evento durante la settimana dell’alta moda a Roma e quello che posso dirvi è che sono davvero bellissimi. Di Odile posso dirvi invece che è gentile, bella e talentuosa. Leggete cosa ci siamo dette durante l’intervista.

Odile Orsi e il tubino. Da dove parte l’idea di MutaDesign?

MutaDesign parte da ciò che facevo prima, ovvero da quello che era il mio lavoro prima di diventare fashion designer. Ero curatrice e mi capitava quindi di organizzare eventi culturali. Questo mi portava ad avere sempre la valigia in mano e di conseguenza ad aver bisogno di abiti portabili e versatili che potessero andare bene per tutte le occasioni. Per supplire a questa necessità ho iniziato a confezionare io stessa dei vestiti, in particolare dei tubini. Ogni volta che ne indossavo uno ricevevo così tanti complimenti che alla fine ho deciso di lanciarmi nella moda.

L’idea del tubino nasce quindi dall’idea della praticità, dall’idea di un pezzo passe-partout a cui poter cambiare solo gli accessori e che potesse quindi fare al caso delle  donne impegnate ed eleganti.”

tubino_paillettes_muta_design

Fare moda oggi è anche farsi ispirare dal passato. Ci sono artisti, personaggi o film d’altri tempi che ti hanno aiutata nella fase creativa?

“Assolutamente! Mi lascio ispirare da tutto. Un ricordo, un profumo piacevole, un artista contemporaneo, un pezzo d’antiquariato, illustratori degli anni Venti. Oggi, a mio parere, ciò che è arte, cultura e creatività è frutto di una miscela, di un mix di infinite influenze. L’artista prende tutto ciò e unitamente al proprio e fondamentale bagaglio culturale, ne fa la propria arte.”

Il web, i blog, i new media, l’e-commerce: una fashion designer oggi deve essere sempre connessa. Perché è così importante essere sempre presenti e soprattutto vendere anche su Internet?

“Capisco ovviamente di avere bisogno della tecnologia per vendere e per farmi conoscere ma, nel mio piccolo, cerco di non abbandonare mai del tutto la dimensione umana dell’artista che, nell’atelier, ospita le proprie clienti per mostrar loro le proprie creazioni.”

odile_orsi_tubino

La crisi, oltre a trascinarci in una situazione critica, nella moda, ci sta spingendo verso una sorta di omologazione forzata e di scarsissima qualità. Cosa ne pensi  dei colossi del low cost?

“Faccio di tutto per far rimanere i miei tubini un qualcosa di non massificato. La qualità di un prodotto totalmente italiano e unico perché fatto a mano ha un valore aggiunto rispetto al vestitino prodotto in serie e di scarsa qualità. C’è chi ha bisogno di unicità ed è a quel tipo di donna che punta MutaDesign.”

tubino_fiamme_muta_design

Molti amano la moda, la studiano e sognano, un giorno, di farne parte. Quali sono gli errori da non commettere e quale invece il consiglio più prezioso che ti sentiresti di dar loro?

“E’ da poco che ci sono dentro ma ho capito che per fare qualcosa di buono si deve rimanere se stessi. Non ci si deve omologare pensando di poter così conquistare il mercato: si deve rimanere artisti. Poi, fondamentale, è l’attenzione alla qualità. E’ importante puntare sul Made in Italy: abbiamo la fortuna di far parte di un paese meraviglioso che nel settore moda è eccellente e invidiato dal resto del mondo: sarebbe da pazzi non approfittarne.”

Accessori da abbinare:

accessori_fashion

Orecchini macramè                            Sandalo t-bar                           busta pelle struzzo eco