È Universale, è Trasversale: è Kidult Art

Categorie: Crazy Toys, Design, Giocattoli, Idee Strane, Interviste e Incontri Di Alessia Fabbri

[Con questo post inizia a collaborare Alessia Fabbri – la trovate su Twitter – che professionalmente si occupa di innovazione e ha tante passioni, tra cui creatività, startup e oggetti fantastici come quelli che ci racconta qui sotto -ad]

“We belong to EDGA: Emozione, Design, Gioco, Arte. 2. We live on the OPAMPICE line: nessun limite o confine tra Oggetto, Prodotto, Azione, Manifestazione, Promozione, Interazione, Comunicazione, Espressione. 3. In UFFA we trust: Utilizzo, Fruizione, Funzione, Applicazione dell’oggetto alimentano scenari personali o collettivi di espressione dinamica”. Comincia così – ed è già piuttosto eloquente – il Manifesto di Ludiko, universo artistico multidisciplinare che ha per obiettivo la diffusione della filosofia Kidult e la riscoperta del gioco come forma di comunicazione con il proprio “io” più profondo-creativo-infantile.

I Pups.it – inizialmente cuscini e manicotti, ora anche sedute, lavagne, tavolini, maglie o altro: dipende dall’uso che se ne fa – sono oggetti/soggetti che, mentre assolvono la loro funzione, rilasciano benessere ludico. Con questo suo primo progetto Ludiko si è inserito in un circuito internazionale che abbraccia l’arte e il design: i suoi prodotti sono stati selezionati per la mostra “The New Italian Design” (partita dalla Triennale di Milano per un tour attraverso Madrid, Londra e Tokio), inseriti nel prestigioso catalogo Fall del MOMA di New York e ospitati negli shop dei maggiori musei d’arte contemporanea del mondo.

Andrea Ruschetti, fondatore di Ludiko, ci racconta in un’intervista il suo percorso dall’iniziale ricerca ed esplorazione della character culture, ai primissimi prototipi sino allo sviluppo del concetto/progetto di design e alla sua manifestazione fisica trasversale.

Dove ha inizio l’avventura?
Vivere e crescere a stretto contatto con il settore del giocattolo e percepirne l’aridità progettuale e l’impossibilità di arricchire i giocattoli con sensi oltre l’essere merce/prodotto ha sicuramente inasprito il sentimento di rivalsa dei valori che devono caratterizzare e animare un oggetto ludico e gli effetti benefici che deve e può rilasciare. Così, nel 2003, all’interno dell’Associazione Culturale Mastronauta prende forma il progetto di impresa sperimentale e primordiale “DNA r:evolutinary concept”, finalizzato a sviluppare e offrire servizi creativi per Faro (storica fabbrica di giocattoli di Omegna, Verbania, e azienda della famiglia Ruschetti n.d.r.), che ha sostenuto l’investimento per un primo mini lotto produttivo e conseguente presentazione al mercato. Nel 2005 siamo sbarcati al concept store High Tech di Milano con soli sei pezzi a forma di M, A, S, C, O, T (T), ed E.

C’entra qualcosa Munari?
Bruno Munari con il suo “Fantasia, ma anche Gianni Rodari con “La grammatica della Fantasia” hanno avuto su di me effetti collaterali immediati: il mio taccuino si è riempito di disegni, illustrazioni, idee, immagini dal tono e stile infantile ma con un messaggio vivo e vivido… In quel momento si è manifestata la mia natura kidult, ma soprattutto da quel momento ha preso forma la mia visione, la mia missione, la mia scelta di vita”.

Come nascono i Pups?
Quando abbiamo iniziato l’attività di ricerca di  un oggetto ludiko morbido in tessuto colorato ho subito pensato di lavorare sul cuscino, in quanto nella sua forma neutra, nell’ancestrale atto di stringerlo, emana affetto, calore e piacere. In modo simile l’azione “stringi Pups” diventa ancor più significativa nel momento in cui al cuscino è attribuita un’identità e una relazione.

E quel pupazzo tutto bianco?
IDOLL è diverso per stile, funzione e linguaggio ma assolutamente complementare ai Pups. Ha una forma pups sbiancata, pura, come una statua da contemplare, ma con cui poter liberamente interagire. Mi sono ispirato al rito della Daruma Giapponese contaminandolo con il linguaggio attuale e universale delle e-moticons. Nel 2006 abbiamo organizzato un concorso in cui invitavamo il pubblico a customizzare IDOLL: mi ha sorpreso vedere come tutti i 300 partecipanti siano riusciti a conferirgli un’identità propria distintiva e sempre diversa, esprimendo ognuno il proprio idolo.

Cos’altro c’è nel vostro universo Ludiko?
In primis un blog che raccoglie day by day sketch, riflessioni, suggestioni, illustrazioni di chi Ludiko è e dove sono raccolti e scaricabili i nostri font ed alcune pubblicazioni in formato digitale. Inoltre dal 2009 Ludiko si dedica alla profusione della Kidult Art che pone il gioco come elemento centrale di azione, interazione, percezione e rappresentazione. Gioco come strumento, gioco come scenario, unico per potenziale espressivo e relazionale. Le sue manifestazioni prendono forma imprevedibile tra oggetto/soggetto, opere, video, performance ed installazioni… e tutto è fatto con assoluta pupsionante pupsione!

Ludiko organizza periodicamente dei tour di “Crea il tuo pups” durante manifestazioni o presso negozi, invitando il pubblico ad avere un ruolo attivo come autore o creatore di un proprio Pups originale. Come dire, puoi adottarlo o farne uno tutto tuo.