Critical Fashion: Quel Punto Di Vista Inaspettato E Indipendente Sulla Moda

Categorie: Abbigliamento, Accessori, Scarpe Di Valentina Sangiovanni

indie-critical-fashion-01

C’è sempre un altro angolo da cui vedere le cose. E spesso è quello che sorprende. So Critical So Fashion è un po’ così e, rispetto alla Settimana della Moda, ricorda un po’ il Fuorisalone paragonato al Salone del Mobile di Milano: una realtà meno famosa, meno sfarzosa ma animata da spirito indipendente, e per questo interessante. L’evento dedicato alla moda etica, attenta all’ambientale e alle persone, si è svolto nella consueta location dei Frigoriferi Milanesi con ben 51 espositori. L’atmosfera che abbiamo respirato, aggirandoci nei padiglioni, era frizzante e accogliente. 

indie-critical-fashion-02-textile-emotion

Tante le iniziative organizzate durante l’evento: quattro mostre, diversi workshop e decine di laboratori si sono contesi il pubblico insieme a tessuti biologici, tagli sartoriali e designer indipendenti, tra cui qualche autodidatta. Siamo stati orgogliosi di riconoscere le creazioni di alcuni Blommer, come Lorena GiuffridaLavgon,GazpachoB.E Quality, e Riciclabò.

indie-critical-fashion-06-riciclabo-kevlove

Tra i volti nuovi vale la pena citare Deneth, vincitrice di un concorso per stilisti emergenti alla Colombo Fashion Week, Sri Lanka. Deneth è uno shock e insieme una curiosità per i giovani nel suo paese che cercano di modernizzarsi indossando jeans e abiti occidentali. La sua sfida è proprio quella di avvicinare i giovani ai tessuti tradizionali, dandogli quindi un taglio moderno.

indie-critical-fashion-07-deneth

Altra new entry di questa edizione Altriluoghi, marchio astigiano che propone borse fatte di obi (la cintura giapponese indossata con il kimono) e t-shirt decorate con vero inchiostro di carota, spinaci e pomodoro. Più biologico di così!

indie-critical-fashion-05-altriluoghi

È possibile sostituire la pelle con il legno? Secondo Ligneah sì. I suoi accessori, borse scarpe agende e portafogli sono tutti fatti con questo materiale. Naturali ed ecologici, offrono una vasta e raffinata gamma di colori! Morbidissime sciarpe fatte a mano su telai di una volta sono la proposta di Textilemotion, mentre Retrò confeziona abiti utilizzando solo materiali naturali certificati e si pone come obbiettivo l’utilizzo di una nuova fibra ogni anno, come il bamboo o la fibra di latte.

indie-critical-fashion-04-retro

Abbiamo potuto ammirare i cappelli fatti a mano di Cadocap e di Rub&Dub, designer che ha collaborato con stilisti del calibro di Romeo Gigli, Yohji Yamamoto e Collection Privèe.

indie-critical-fashion-09-rubdub

Attenzione particolare va ad Altromercato che, presente con uno stand, ha presentato la sua collezione autunnale in una conferenza tenuta direttamente dalla stilista Marina Spadafora.

indie-critical-fashion-03-laboratorio-lavgon

Abbiamo visitato anche le scorse edizioni di So Critical So Fashion: trovate i reportage a questo link.

indie-critical-fashion-08-moku